MUOS: ad un anno dal sequestro

15 maggio niscemi

Partiamo da un’intervista ad Antonio Mazzeo tratta dalla trasmissione del 13 aprile 2015 di fino alla vittoria per chiedere a Fabio D’Alessandro e Federico Galletta, entrambi attivisti NoMuos, quale sia la situazione oggi a due giorni dalla manifestazione di domenica 15:


Via:: http://radiofaber.radiomatria.org/2016/05/12/muos-ad-un-anno-dal-sequestro/

Sfatiamo qualche mito sul referendum del 17 aprile

ieri ci è venuto a trovare Alessandro Giannì, direttore delle campagne di Greenpeace Italia, con cui abbiamo parlato di alcuni miti sul referendum abrogativo del 17 aprile, ascolta la puntata qui:


Via:: http://radiofaber.radiomatria.org/2016/04/08/sfatiamo-qualche-mito-sul-referendum-del-17-aprile/

referendum trivelle: perché bisogna votare e votare sì

logo_fermaletrivelle_

A meno di un mese entra nel vivo il dibattito sul voto per il referendum del 17 aprile

Votare Sì, perchè? Lo abbiamo chiesto a Marco del comitato No Triv Licata. A seguire un contributo del geologo Domenico Macaluso che parlerà di diversi studi effettuati sull’area interessata da cui emergono evidenti rischi legati alla sicurezza

Ascolta:

Via:: http://radiofaber.radiomatria.org/2016/03/22/referendum-no-trivelle-bisogna-votare-e-votare-si-3/

Accendono il Muos. Comincia una nuova fase di mobilitazione a Niscemi

NO_MUOS

Sono giorni di forte tensione a Niscemi. Il Muos è attivo per valutazioni di impatto elettromagnetico e la popolazione si mobilita.

Studenti in piazza. Oltrepassata la zona rossa posta a 5 km dalla base. Arrestato il pacifista Turi Vaccaro.

La situazione delle ultime ore in un’intervista a Fabio D’Alessandro, attivista del Movimento No Muos.

Ascolta:


no muos

Via:: http://radiofaber.radiomatria.org/2016/03/10/accendono-il-muos-la-farsa-delle-misurazioni/

Sistemi Partecipati di Garanzia: Genuino Clandestino in Sicilia

ecco l’intervista a francesco di genuino clandestino palermo, la prima puntata di radiofaber dedicata al tema della sovranità alimentare:



Siamo contadini e artigiani. Utiliziamo risorse abbondanti come il tempo ed il lavoro umano e risparmiamo quelle preziose come l’acqua e la Terra. Cerchiamo di vendere i nostri prodotti nel territorio che ci circonda, aggiungendogli così il valore del prodotto locale.
Genuino Clandestino nasce nel 2010 come una campagna di comunicazione per denunciare un insieme di norme ingiuste che, equiparando i cibi contadini trasformati a quelli delle grandi industrie alimentari, li ha resi fuorilegge. Per questo rivendica fin dalle sue origini la libera trasformazione dei cibi contadini, restituendo un diritto espropriato dal sistema neoliberista.
Ora questa campagna si è trasformata in una rete dalle maglie mobili di singoli e di comunità in divenire che, oltre alle sue iniziali rivendicazioni, propone alternative concrete al sistema capitalista vigente attraverso diverse azioni

http://genuinoclandestino.it

Via:: http://radiofaber.radiomatria.org/2016/02/18/sistemi-partecipati-di-garanzia-genuino-clandestino-in-sicilia/

11150223_1084711924878063_471316525253725343_n

corridoi umanitari, diritto d’asilo europeo

11150223_1084711924878063_471316525253725343_nLa più grande strage mai avvenuta nel Mediterraneo.
La responsabilità è delle politiche di chiusura delle frontiere di Italia ed Europa.
Si dia subito il via ad un’operazione di ricerca e salvataggio in tutto il Mediterraneo.
Si aprano canali di ingresso umanitari.
Quando si capirà che il flusso di migranti non si fermerà né dinanzi alle vessazioni dei trafficanti di morte né di fronte ai pericoli di traversate su barconi stracolmi e insicuri?
Quanti morti ancora ci dovranno essere perchè si decida di accogliere la richiesta dell’apertura di canali di ingresso umanitari, offrendo vie sicure di fuga a chi scappa da guerre e violenze?
Ogni minuto perso, accresce responsabilità che ormai sono chiare a tutti.

Martedi 21 aprile alle ore 17.00 davanti alle Prefetture di tutta Italia.
MERCOLEDI’ 22 APRILE ORE 18 PIAZZA STESICORO
MANIFESTAZIONE Antirazzisti/e Catanesi


ECCO IL TESTO DELL’APPELLO ALLA MANIFESTAZIONE

Basta con le leggi razziali!
Fortezza Europa vergognati!
Diritto d’asilo europeo Subito!
Siamo tutti nella stessa barca

L’ennesima, tragica, strage di migranti della scorsa notte, le continue violazioni dei diritti umani dei migranti che riescono a sopravvivere ai naufragi, sempre più frequenti, c’impongono di non essere più indifferenti e/o complici delle vergognose leggi razziali e delle infami politiche securitarie che in questi anni hanno trasformato il Mediterraneo in un cimitero marino e l’Europa in un lager con coste e territori militarizzati.

Contro il razzismo istituzionale tolleranza zero!

C’è da vergognarsi di non aver fatto abbastanza per impedire il ripetersi di queste tragedie. In questi anni le leggi razziali hanno causato decine di migliaia di morti ma i politici della Fortezza Europa hanno ipocritamente finto di non sapere cosa succede ai migranti che fuggono dalla miseria e dalle guerre “umanitarie” causate dalle criminali politiche neo-colonialiste della “civile” Europa.
Già dall’ agosto del 2013, dopo la morte di 6 migranti ritrovati nella Plaia di Catania, le associazioni antirazziste catanesi hanno lanciato una campagna per il Diritto d’asilo europeo. Oggi più che mai è necessario riprendere il percorso unitario dell’associazionismo migrante ed antirazzista per i diritti dei/lle migranti, a cominciare dal diritto alla vita.
Facciamo appello a tutte le realtà sociali, sindacali,religiose e politiche per dimostrare nei fatti che siamo tutti “Nella stessa barca”, in lotta per un futuro libero dalle guerre e dal razzismo.

ANTIRAZZISTE/I CATANESI

Prima Puntanta di Radio Simpatia

Questa è la prima puntata di una nuova radio condotta da tre ragazzi che da due anni cercano di fare radio ed oggi ci sono riusciti!

Noi tre ragazzi speriamo che andrà bene e che sarete in molti a seguirci non mancheranno le risate, il divertimento e la buona musica e varie notizie del mondo.

 

RADIO SIMPATIA!

 

Fino alla Vittoria, voci di resistenza dal Movimento NoMuos

Questa puntata di Fino alla Vittoria è dedicata alle voci di resistenza del movimento noMuos.
Abbiamo deciso di dare voce alla lotta contro il MUOStro niscemese a più di un mese dalla grande manifestazione del 9 Agosto che ha visto migliaia di persone violare e invadere per l’ennesima volta la base americana. Crediamo che questa lotta si inserisca perfettamente all’interno del movimento contro l’imperialismo che i popoli di tutto il mondo conducono quotidianamente.
Dando voce ai militanti, durante il campeggio, la manifestazione e nei giorni successivi abbiamo cercato di approfondire due aspetti:
il primo legato alla pericolosità ambientale del Muos e alle ricadute che questo avrà sulla salute della popolazione siciliana, il secondo incentrato sul nesso fra l’aumento dei fronti di guerra imperialisti nel mondo e il peggioramento delle condizioni di vita dei proletari.
Infine, ci siamo occupati, parlando con i compagni del comitato di Niscemi, delle prospettive del movimento e delle sue future date di lotta.

Ora e sempre NoMuos

27 settembre a Roma a fianco della Resistenza Palestinese

Fine novembre grande sciopero generale autorganizzato a Niscemi contro il Muos e contro gli attacchi sociali dai servizi al lavoro dei governi servi degli USA